Buoni lavoro INPS (Voucher)

I buoni per il pagamento delle prestazioni di lavoro accessorio sono acquistabili anche presso tutti gli uffici postali

I Voucher prestampati sono disponibili in tre tagli:

Valore nominale Buono Valore netto
10 euro 7,50 euro
20 euro 15 euro
50 euro 37,50 euro
Inoltre è possibile acquistare singoli Voucher di importo variabile fino ad un massimo di 200 euro, per multipli di 10 euro
Possono essere acquistati da famiglie, aziende, imprese familiari, imprenditori agricoli, imprenditori operanti in tutti i settori, soggetti non imprenditori, enti senza fini di lucro e committenti pubblici.

Il datore di lavoro acquista i buoni lavoro (in contanti, tramite Postamat o carta Postepay) presentando la tessera sanitaria per la lettura del codice fiscale e comunicando la P.IVA in caso di acquisto da parte dell’azienda/ente committente. E' previsto un limite giornaliero di acquisto di 5.000 euro lordi.

Per l’acquisto dei Voucher prestampati è previsto il versamento di una commissione di 2,50 euro + IVA per la singola operazione di emissione, da 1 a 15 voucher oppure per l’acquisto di un intero carnet (composto da 25 voucher). La commissione per l’acquisto di un singolo Voucher di importo variabile è di 1,50 euro + IVA.


Modalità di comunicazione all'INPS

Dal giorno successivo all'acquisto e prima dell'inizio della prestazione di lavoro il Committente deve comunicare all'INPS* il proprio codice fiscale/P.IVA, i dati del prestatore (nome, cognome, codice fiscale), il luogo di lavoro, la data d'inizio e fine della prestazione.

I committenti possono effettuare la comunicazione esclusivamente attraverso i seguenti canali**:
  • Telefonare al Contact Center INPS-INAIL n.803164
  • Collegarsi al sito Inps.it e attivare la connessione alla pagina Lavoro Occasionale.
  • Recarsi presso una sede INPS.

Il Committente per accedere al sito INPS deve indicare il proprio Codice Fiscale/P.IVA e come password il Codice identificativo (16 cifre) di uno dei buoni lavoro acquistati nella giornata.

La vendita dei Voucher presso tutti gli uffici postali acquisisce una connotazione “telematica”, in linea con le direttive del Decreto Legislativo n. 81 del 15 giugno 2015.

Acquisto con codice fiscale delegato


Il committente titolare di P.IVA, al momento dell’acquisto dei voucher dovrà comunicare anche il codice fiscale di colui che opera in qualità di delegato (il cui rapporto con il committente è stato precedentemente registrato presso INPS).

Riscossione dei Buoni Lavoro

I Buoni Lavoro sono riscuotibili presso gli uffici postali dal secondo giorno successivo alla fine della prestazione di lavoro accessorio.

Il prestatore per riscuotere deve presentarsi con la propria Tessera Sanitaria, per la verifica del Codice Fiscale, oltre che un documento di identità in corso di validità.  Prima di effettuare il pagamento l'operatore dell'ufficio postale controlla che i dati del prestatore corrispondano a quanto dichiarato dal Committente.

Effettuato il pagamento viene rilasciata un ricevuta riepilogativa di tutti i voucher che sono stati pagati al prestatore. Nei casi in cui il buono lavoro non risulti pagabile, il prestatore deve rivolgersi alla sede INPS. E' possibile riscuotere i Buoni lavoro da parte dei prestatori entro 2 anni dal giorno dell'emissione.

Se il Committente non utilizza i buoni lavoro acquistati, può chiedere il rimborso presso le sedi dell'INPS.
In caso di furto o smarrimento è necessario preliminarmente effettuare la denuncia alle autorità competenti.
Recandosi in una sede INPS con la denuncia, il committente e il prestatore possono segnalare il furto o lo smarrimento e ricevere assistenza.
Attenzione: la mancata comunicazione all'INPS/INAIL prevede l'applicazione della 'maxisanzione', di cui all'art. 4, comma 1, lett. a), della Legge n.183/2010 (c.d. 'Collegato Lavoro') come indicato nella Circolare INPS n. 157 del 7/12/2010.

Il committente deve comunicare tramite i canali indicati anche eventuali variazioni relativamente ai prestatori, al periodo di inizio o fine prestazione o al luogo di svolgimento dell'attività.

I contatti con l'INPS consentono al Committente anche di:
  • Verificare se i propri dati sono registrati
  • Verificare quali prestazioni sono in corso (da parte del Committente in possesso di PIN)
  • Annullare o modificare una precedente comunicazione di Inizio attività (da parte del Committente in possesso di PIN). Se l'annullamento è richiesto lo stesso giorno dell'inizio della prestazione, la comunicazione deve essere effettuata tramite il Contact center o la presso la sede INPS.

Documentazione

Potrebbero interessarti anche

Rilascio certificati INPS

Ritira direttamente presso gli uffici postali l'estratto conto contributivo INPS, il CUD e il Certificato di pensione

Sportello Amico

La rete di uffici postali studiata e organizzata per semplificare i rapporti tra cittadini e pubblica amministrazione

 

* L'operazione di comunicazione è necessaria per l'attivazione del buono lavoro, la riscossione da parte del prestatore e il corretto accredito dei contributi e vale per l'assicurazione antiinfortunistica a fini INAIL.

** Gli operatori del Contact Center INPS e delle Sedi INPS assicurano ogni forma di assistenza per il corretto utilizzo dei buoni lavoro. Nel sito Inps.it è pubblicato il manuale utente relativo al lavoro accessorio, come guida all'utilizzo della procedura dedicata ai voucher distribuiti dagli uffici postali. Per ulteriori informazioni visita il sito Inps.it