Libretti di Risparmio Postale

 

Lo strumento ideale per gestire i tuoi risparmi, anche da piccoli.

Il libretto giusto per te che vuoi…

Nominativo Ordinario…una soluzione pratica e sicura per gestire i tuoi risparmi
Nominativo Ordinario Smart...una soluzione dinamica e conveniente per gestire al meglio i tuoi risparmi
Dedicato ai minori…una soluzione semplice e conveniente per educare i tuoi ragazzi a risparmiare
Al portatore…una soluzione sicura per gestire i tuoi risparmi
Giudiziario…accogliere somme di denaro derivanti da procedimenti giudiziari (pignoramenti, sequestri, ecc.) su richiesta dell'autorità giudiziaria

Rendimenti in vigore dal 1° aprile 2014

Tipologia librettoTasso nominale annuo lordo
Nominativo Ordinario0,35%
Dedicato ai minori2,50%
Al portatore0,05%
Giudiziario1,25% (non vincolato)
2,25% (vincolato)
Area ClientiPromozioni

Cos'è un Libretto Postale?

I Libretti di Risparmio Postale sono depositi a vista rimborsabili in qualsiasi momento, emessi dalla Cassa depositi e prestiti, garantiti dallo Stato Italiano e collocati in esclusiva da Poste Italiane.

Operatività e costi

I Libretti Postali possono essere aperti in tutti gli Uffici Postali semplicemente presentando un documento d'identità valido e il codice fiscale. Non sono previste spese e commissioni per l'apertura, la gestione, la chiusura e per tutte le operazioni di versamento e prelievo; sono soggetti agli oneri di natura fiscale. Per versare contanti o prelevare basta recarsi in qualsiasi Ufficio Postale muniti del proprio Libretto o della Carta Libretto Postale. Il versamento di assegni bancari può essere effettuato presso l'Ufficio Postale di apertura del Libretto di Risparmio.
Relativamente ai Libretti Giudiziari l'operatività è consentita solo presso gli Uffici Postali abilitati, situati in località sede di Tribunali, Corti d'Appello o Uffici di Conciliazione.

Regime Fiscale

Agli interessi si applica una ritenuta del 20% ai sensi dell'art. 26, comma 2, del D.P.R. 600/73. Ai sensi dell'art. 13, comma 2 bis e nota 3 bis, della Tariffa, parte prima, allegata al D.P.R. 642/1972, come modificato dall'art. 19 del decreto legge 201/2011, convertito con modificazioni dalla legge 214/2011, i rendiconti dei libretti di risparmio postale sono assoggettati con periodicità annuale ad un'imposta di bollo fissa pari a euro 34,20 se il cliente è persona fisica e la giacenza media annua sia complessivamente superiore alla soglia di 5.000 euro. Quando la titolarità dei libretti di risparmio è relativa a clienti persone giuridiche, l'imposta di bollo, applicata sempre in ragione d'anno, è pari ad euro 100,00 senza alcuna soglia di giacenza media.

Il rendiconto si considera inviato almeno una volta nel corso dell'anno anche quando non sussiste un obbligo di invio o di redazione. Se gli estratti conto sono inviati periodicamente nel corso dell'anno, l'imposta di bollo dovuta è rapportata al periodo rendicontato.

 

Il libretto si estingue nel caso in cui, a seguito degli oneri fiscali previsti dalla legge, esso non presenti un saldo sufficiente all’addebito dell’intero importo dovuto. In tal caso, estinto il libretto incapiente, si applica a ogni effetto di legge, la compensazione del credito a valere su altri libretti recanti la medesima intestazione.

Interessi

I Libretti Postali maturano interessi a decorrere dal giorno del versamento e fino alla data del prelevamento, con capitalizzazione annua al 31 dicembre di ogni anno

Carta Libretto Postale

È una carta elettronica con microchip associabile ai Libretti di Risparmio Postale Nominativi Ordinari che semplifica e rende più veloci le operazioni di prelievo e versamento di denaro. La Carta Libretto Postale, può essere richiesta gratuitamente da tutti i titolari di Libretto Nominativo Ordinario con facoltà di firma disgiunta, permette di effettuare operazioni di prelievo e versamento in tutti gli Uffici Postali e prelievi presso gli sportelli automatici del circuito Postamat.

Carta IO

La Carta IO è la carta elettronica associabile ai Libretti Nominativi Speciali "Intestati ai Minori di età" dedicata ai ragazzi dai 12 ai 18 anni, che permette di effettuare operazioni di prelievo e versamento in tutti gli Uffici Postali e prelievi presso gli sportelli automatici del circuito Postamat.

Depositi Dormienti

I Libretti Postali considerati "depositi dormienti" sono Libretti non movimentati da 10 anni dalla data di libera disponibilità delle somme e con saldo superiore ai 100 euro Libretti di Risparmio Postale dormienti. Le condizioni di dormienza si applicano anche ai Buoni Fruttiferi Postali emessi, in forma cartacea, dopo il 14 aprile 2001 per i quali sia decorso il termine di prescrizione (10 anni dalla data di scadenza).

Normativa antiriciclaggio

Le nuove regole per assegni e vaglia postali, pagamenti in contante e libretti al portatore (D.Lgs 231/2007)
Visualizza il documento (file.pdf) »