La versione del tuo browser non è aggiornata. Per una migliore navigazione del sito, scarica la versione più recente.

Normativa spedizioni dall'estero Approfondimenti per le spedizioni dall'estero.

Oneri su invii provenienti da Paesi extra-UE

Come noto, a partire dal 1° luglio 2021 la normativa doganale per gli invii contenenti merci provenienti da Paesi extra UE è stata modificata.

A partire da tale data, anche gli invii con valore inferiore a 22 euro (anche per merci ordinate in data antecedente al 1° luglio, e giunte in Europa da tale data in poi), sono assoggettati ad IVA e al pagamento dei diritti postali di sdoganamento, nel caso in cui non si sia assolto a tali obblighi al momento dell’acquisto.

L’adeguamento a tale normativa ha richiesto degli adattamenti non solo dei processi operativi di Poste Italiane, ma di tutto il ciclo di gestione degli invii, compresa la fase di sdoganamento, che ha comportato, in questa prima fase di rodaggio, una dilatazione dei tempi di lavorazione e consegna.

Poste Italiane si sta adoperando per garantire nel più breve tempo possibile la messa a regime del nuovo sistema, riducendo al massimo ogni eventuale disagio.

Descrizione

L'esenzione dal pagamento dei diritti doganali è stabilita dal Regolamento CEE n.918 del 1983 e dal Decreto del Ministero delle Finanze n.489 del 5 dicembre 1997, e modificata dal Regolamento CE n.274 del 2008, in vigore dal 1 Dicembre 2008.
Tale normativa è stata integrata con la nuova Direttiva IVA 2017/2455 e sue modifiche ed integrazioni. Il Regolamento CE n.274 del 2008 innalza la franchigia ai fini dei Dazi doganali da euro 22,00 ad euro 150,00. Gli articoli da 29 a 31 del Reg. CEE n.918/83 prevedono, altresì, la franchigia a euro 45,00 (anche per i prodotti alcolici, profumi e acqua di toletta, tabacchi e prodotti del tabacco importati nelle quantità fissate all'art.31 del Reg. CEE 918/83) per gli invii da privato a privato. 
Sono questi i casi in cui le merci, oggetto di piccole spedizioni prive di carattere commerciale, siano inviate da un privato che si trova in un Paese terzo ad un altro privato che si trova nel territorio doganale della Comunità, a condizione che:
 
  • presentino carattere occasionale
  • riguardino esclusivamente merci riservate all'uso personale e familiare dei destinatari e che, per loro natura e quantità, escludano qualsiasi interesse di ordine commerciale
  • non risultino effettuate dietro corrispettivo in qualsiasi forma

Per l'autorizzazione alla franchigia, su richiesta dell'interessato, dispone direttamente l'Ufficio Doganale periferico competente in relazione al luogo di arrivo delle merci.

Poste Italiane, secondo quanto dispone l'art. 18 della Convenzione Postale Universale adottata nell'ultimo Congresso UPU tenutosi a Ginevra nell'anno 2008 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 174 del 28 luglio 2010, suppl. Ord. n. 169), in quanto operatore designato ed autorizzato ad operare lo sdoganamento per conto dei clienti, è autorizzata a percepire dai clienti un corrispettivo per le attività amministrative connesse ad una tale attività, per legge ancorato ai costi reali dell'operazione di sdoganamento. In particolare detta previsione legislativa prevede, al comma terzo, che i diritti postali possano essere percepiti per tutti gli invii dichiarati in dogana secondo la legge nazionale, compresi quelli esenti dal diritto doganale.
Hai bisogno di aiuto?

Crescere Sostenibili
© Poste Italiane 2021 - Partita iva: 01114601006

vai a inizio pagina