dcsimg
La versione del tuo browser non è aggiornata. Per una migliore navigazione del sito, scarica la versione più recente.

Pio La Torre e Rosario Di Salvo Emissione di un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “il Senso civico” dedicato a Pio La Torre e Rosario Di Salvo

Informazioni

  • Data di emissione: 28 aprile 2017
  • Valore: 0,95 euro
  • Tiratura: 600.000 francobolli

News e Curiosità

28 aprile 2017: emissione di un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “il Senso civico” dedicato a  Pio La Torre e Rosario Di Salvo

Il francobollo, del valore di euro 0,95, stampato in rotocalcografia, raffigura, su bozzetto di Cristina Bruscaglia, a sinistra il ritratto di Pio La Torre e a destra Rosario Di Salvo.
Completano il francobollo le  leggende “VITTIME DELLA MAFIA”, “1982-2017”, “PIO LA TORRE” e “ROSARIO DI SALVO”.
 
Pio La Torre, terzo di cinque figli di una famiglia siciliana di braccianti agricoli, nasce nel 1927 ad Altarello di Baida, periferia sud orientale di Palermo.
Gli anni dell’adolescenza, fatti di studio e di lavoro, contribuiscono alla presa di coscienza dell’importanza dell’impegno sociale per il riscatto dei più deboli. Nel 1945 si iscrive al Partito Comunista Italiano; poco dopo inizia la sua militanza sindacale nella Federterra, il sindacato dei contadini.
Negli anni 1949-1950 è alla guida del movimento per la riforma agraria nei paesi delle Madonie e della zona di Corleone nel palermitano.

Negli anni successivi assume incarichi dirigenziali nella CGIL, viene eletto segretario regionale e si batte per i diritti dei lavoratori, per uno sviluppo sostenibile della Sicilia e contro il sistema mafioso. Nel 1962 viene eletto segretario del PCI siciliano e dal 1963 al 1971 è parlamentare dell’Assemblea Regionale Siciliana; nel 1972 viene eletto alla Camera dei Deputati, diventa Responsabile del PCI per l’agricoltura e per il Mezzogiorno.

Nel 1980 deposita in Parlamento la proposta di legge che introduce nel Codice penale il reato di associazione mafiosa (art. 41 bis), la confisca dei beni ai mafiosi e le indagini patrimoniali; tale proposta diventa legge il 13 settembre 1982.

Nel 1981 decide di tornare a Palermo e di candidarsi alla segretaria del PCI siciliano, dove viene eletto.
Qui incontra il suo giovane collaboratore Rosario Di Salvo, nato a Bari nel 1946, ma Palermo è la città che sposa insieme alla donna che ama, Rosa. Divenuto anch’egli esponente del partito comunista siciliano, si impegna nelle battaglie a favore dei più deboli come Pio, con cui stringe un legame molto forte.

Rosario sarà sempre al fianco di Pio, lo accompagnerà ovunque, lo sosterrà con il suo entusiasmo e il suo coraggio fino a fargli da scudo con il suo corpo alla raffica di proiettili che li ucciderà entrambi in un crudele e spietato agguato mafioso la mattina del 30 aprile del 1982.

Il francobollo ed i prodotti filatelici correlati possono essere acquistati presso gli Uffici Postali abilitati, gli “Spazio Filatelia” di Firenze, Genova, Milano, Napoli, Roma, Roma 1, Torino, Trieste, Venezia e sul sito poste.it.

Lo Sportello Filatelico dell’Ufficio Postale di Palermo Centro utilizza  l’annullo speciale, realizzato da Filatelia di Poste,   il giorno di emissione 28 aprile 2017

Curiosità:

03/09/2002: francobollo dedicato a Carlo Alberto Della Chiesa
23/05/2003: francobollo dedicato a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino
26/01/2005: francobollo dedicato  a Luigi Calabrese
09/05/2016: francobollo dedicato a Vittorio Occorsio e Francesco Coco


 
Se sei un tabaccaio, acquista online i francobolli:
Hai bisogno di aiuto?

© Poste Italiane 2017 - Partita iva : 01114601006  

vai a inizio pagina