La versione del tuo browser non è aggiornata. Per una migliore navigazione del sito, scarica la versione più recente.

Il ruolo delle banche centrali e la politica monetaria Come viene gestita la circolazione della moneta e la stabilità dei prezzi. 

Le banche centrali

Il ruolo delle banche centrali Cos'è una banca centrale?

Una banca centrale è un’istituzione pubblica che ha il compito di governare la valuta di un Paese o di un gruppo di Paesi. Per farlo, controlla e gestisce la quantità di moneta in circolazione. L’obiettivo principale di molte banche centrali (tra le quali la BCE, la Banca Centrale Europea) è la stabilità dei prezzi: in alcuni Paesi, come per esempio la Federal Reserve negli Stati Uniti, la banca centrale è anche tenuta per mandato ad agire a sostegno della piena occupazione.
 

Stabilità dei prezzi

Mantenere la stabilità dei prezzi significa controllare che i prezzi al consumo non aumentino in misura significativa (inflazione), ma nemmeno diminuiscano in maniera prolungata (deflazione): l’eccessiva inflazione o deflazione per lunghi periodi hanno entrambe effetti negativi sull’economia. Se aumenta il prezzo di molti beni e servizi si perde potere di acquisto, un fenomeno che può innescare una spirale ascendente dei prezzi. Se tutto diventa più costoso, diventa  più difficile per lavoratori e imprese pianificare il risparmio e gli investimenti con il risultato che una rapida perdita di valore può far perdere la fiducia dei cittadini nella moneta.
 
Prolungati periodi di deflazione, al contrario, alimentano la convinzione che un bene che pensiamo di acquistare possa scendere ulteriormente di prezzo nei prossimi mesi, rimandando la spesa. Questo fenomeno può innescare una spirale discendente dei prezzi che può portare le aziende a ridurre o a congelare i salari, o persino a ricorrere a tagli di personale per fronteggiare il calo della domanda, generando disoccupazione. L’economia inizierà a rallentare nel momento in cui i consumatori e le imprese limiteranno consumi e investimenti. Uno scenario nel quale il gettito fiscale si contrae in seguito a un calo dei redditi e della spesa, mentre il debito pubblico va comunque rimborsato: in questa situazione lo Stato potrebbe vedersi costretto a ridurre la spesa pubblica per la sanità e le infrastrutture.
 
Tornando alla stabilità dei prezzi, la BCE si prefigge di mantenere l’inflazione su livelli “inferiori ma prossimi al 2% nel medio periodo”. Le ragioni di questo livello di prezzi al consumo sono molteplici. In primo luogo permette di disporre di un margine per una corretta misurazione del carovita. Il calcolo dell’inflazione è accurato ma potrebbe non tenere pienamente conto del fatto che la variazione dei prezzi al consumo possa essere dovuta a un miglioramento qualitativo: in questo caso i dati sull’inflazione potrebbero essere leggermente sovrastimati in quanto non incorporano il miglioramento della qualità finale per il consumatore. In secondo luogo la BCE si assicura un margine di sicurezza: puntando ad un’inflazione al 2% allontana il pericolo di deflazione rispetto ad un target fissato all’1% o allo zero. In terzo luogo, grazie a questa flessibilità la BCE ha la possibilità di mantenere la stabilità dei prezzi per l’intera area dell’euro: un tasso di inflazione inferiore ma prossimo al 2% resta un margine per possibili differenze fra i livelli di carovita nei vari paesi dell’Area.


Il costo del denaro e le altre funzioni delle banche centrali

Per governare la stabilità dei prezzi, la banca centrale fissa i tassi di interesse, ossia il “costo del denaro”. In pratica svolge il ruolo di banca delle banche commerciali: questa funzione le permette di influenzare il flusso di moneta e di credito nell’economia reale con l’obiettivo di preservare la stabilità dei prezzi. Le banche commerciali, dal canto loro, si possono rivolgere alla banca centrale per contrarre prestiti: per farlo devono consegnare attività, quali titoli di Stato o obbligazioni societarie, che abbiano un valore economico e fungano da garanzia del rimborso del prestito.
Le banche commerciali possono erogare credito a lungo termine (prestiti e mutui) a fronte di depositi a breve termine e questo le espone a problemi di “liquidità”, ovvero a una situazione in cui pur disponendo dei fondi per saldare un debito (attivi patrimoniali) non sono in grado di monetizzarli in tempi rapidi. In situazioni di questo genere la banca centrale può intervenire in qualità di “prestatore di ultima istanza”, una funzione che contribuisce al mantenimento della stabilità del sistema finanziario. Tra le altre attività a disposizione delle banche centrali figurano anche l’emissione di monete e banconote, il controllo del regolare funzionamento dei sistemi di pagamento per le banche e degli strumenti finanziari negoziati, la gestione delle riserve ufficiali (valutarie e aurifere).
 
Infine, molte banche centrali – tra le quali anche la BCE –  contribuiscono anche alla stabilità del sistema finanziario attraverso la vigilanza delle banche commerciali, allo scopo di assicurare che gli istituti di credito non assumano rischi eccessivi che possano compromettere l’intero sistema finanziario.

II presente documento è stato predisposto da Poste Italiane, sotto la propria esclusiva responsabilità ed ha natura e scopi informativi generali e non costituisce offerta o sollecitazione all’acquisto ne implica alcuna attività di consulenza o raccomandazioni di investimento.

Potrebbero interessarti

TUTTI   |   CONSIGLIATI

Costanza nel risparmio

La costanza del risparmio

Negli investimenti, la costanza del risparmio conta più dei rendimenti finanziari.

L’importanza di mantenere gli investimenti

L’importanza di mantenere gli investimenti anche nelle fasi difficili di mercato

Come imparare a cogliere le opportunità di un trend rialzista di lungo periodo.

Il tempo come fattore incrementale di stabilità

Il tempo come fattore incrementale di stabilità

Investire è un esercizio di equilibrio e, in periodi di crisi, la soluzione migliore consiste nell’evitare di farsi prendere dal panico.

Economia reale

Economia reale e quotazioni finanziarie

L'importanza di prendere decisioni consapevoli sia nelle fasi rialziste che in quelle ribassiste. 

Il ciclo di vita dell'investitore

Il ciclo di vita dell’investitore

I nostri obiettivi cambiano nelle varie fasi della nostra vita, ma la cosa più importante è adottare una corretta pianificazione finanziaria.

Cigno nero

La Finanza e i "Cigni Neri"

Scopriamo la teoria del cigno nero e cosa ci hanno insegnato i tre cigni neri che negli ultimi 20 anni hanno scosso l'economia globale. 

Rating

Le agenzie di rating e il merito creditizio

Sai veramente che cosa è il rating e quali sono i parametri utilizzati dalle agenzie per valutarlo? 

Gestione patrimoniale

Tutto sulle gestioni patrimoniali

Cosa sono e quali tipologie di gestioni patrimoniali esistono.

Fondi di investimento

Tutto sui Fondi comuni di investimento

Cosa sono e come funzionano i Fondi comuni d'investimento.

Il ruolo delle banche centrali

Il ruolo delle banche centrali e la politica monetaria

Come viene gestita la circolazione della moneta e la stabilità dei prezzi. 

Azioni

Azioni, cosa sono?

Scopri di più sulle azioni e perché hanno un rischio superiore alle obbligazioni.

Obbligazioni

Obbligazioni e cedole

Cosa sono e quali elementi caratterizzano le obbligazioni.

Investire in protezione

Perché è importante investire nella protezione

La protezione è il primo passo per tutelare il tuo patrimonio.

Eccesso di prudenza

Attenzione all'eccesso di prudenza

L’eccesso di prudenza può far perdere opportunità di guadagno.

Orizzonte temporale

Investimenti e orizzonte temporale

Se vuoi investire, oltre a valutare il rischio che sei disposto ad assumerti, dovresti fissare il tuo orizzonte temporale. 

Liquidità

Il rischio della liquidità

Pensare che la liquidità non comporti dei rischi è sbagliato, meglio pensare ad altre forme di protezione. 

ETF

Gli strumenti dei mercati finanziari: focus sugli ETF

Caratteristiche e vantaggi degli ETF, per investire nei mercati finanziari differenziando il proprio portafoglio.

Trappole mentali

Come evitare le "trappole mentali" del fai da te

Come evitare gli errori cognitivi dovuti a modalità sbagliate di interpretare la realtà.

Market timing

Market timing: compro, vendo o tengo?

Come anticipare i movimenti dei mercati finanziari.

Crescere Sostenibili
© Poste Italiane 2021 - Partita iva: 01114601006

vai a inizio pagina