La versione del tuo browser non è aggiornata. Per una migliore navigazione del sito, scarica la versione più recente.

Tutto sulle gestioni patrimoniali Cosa sono e quali tipologie di gestioni patrimoniali esistono.

Gestione Patrimoniale

Gestione patrimoniale La Gestione Patrimoniale (c.d. GP) è un servizio che viene offerto da professionisti del risparmio gestito, per esempio banche, società di gestione del risparmio (SGR) e SIM, ai quali il risparmiatore delega la gestione del proprio patrimonio.
 
Il risparmiatore sceglie la banca o la società di gestione, sottoscrive un mandato di gestione ed effettua il versamento della somma che intende investire, affidando ai professionisti dell’intermediario scelto la costruzione e la gestione del proprio portafoglio coerente con il suo profilo di rischio. L’obiettivo è quello di conferire i propri risparmi nelle mani di professionisti che possano generare una crescita, nel tempo, del capitale depositato tramite la creazione di un portafoglio personalizzato investito in molteplici strumenti finanziari previsti dalla linea di investimento scelta dall’investitore: azioni, obbligazioni, strumenti monetari, valute, ETF, fondi comuni, etc…
 
Il portafoglio viene allocato soltanto dopo che il risparmiatore ha compilato un questionario, tramite il quale vengono identificati i suoi obiettivi e il suo profilo di rischio (la cosiddetta profilazione). Questa modalità permette una accurata personalizzazione del portafoglio che verrà costruito sulla base del profilo dell’investitore, rispettando i suoi obiettivi di rendimento e il suo profilo di rischio.
 
A differenza dell’investimento nei fondi comuni, la gestione patrimoniale quindi prevede una gestione individuale del capitale. Infatti, nei fondi comuni i risparmi versati confluiscono in una “cassa comune” - il patrimonio del fondo - che viene gestita in modo indifferenziato per tutti i partecipanti. Nella gestione patrimoniale invece esiste un conto intestato del risparmiatore e tutte le operazioni sono registrate a suo nome. In pratica, nella gestione patrimoniale il risparmiatore, da un lato, concede un mandato di gestione dei risparmi sottoscrivendo una delle linee di investimento offerte dall’intermediario - il cui team di esperti deciderà su quali titoli investire e come e quando farlo - e, dall’altro, può eventualmente indicare delle preferenze nella gestione del capitale, il che personalizza il rapporto con l’intermediario.
 
Nell’investimento in fondi comuni, invece, il risparmiatore non può suggerire le modalità di impiego dei capitali al gestore, ma può soltanto scegliere il tipo di fondo a lui più congeniale, sempre nel rispetto dei vincoli normativi in tema di profilo di rischio e conoscenza: per esempio, azionario, bilanciato, obbligazionario, flessibile o monetario. Come nel caso dei fondi comuni d’investimento, anche per le gestioni patrimoniali il capitale investito non è vincolato e se ne può chiedere il rimborso parziale o totale in qualsiasi momento.
 
Le gestioni patrimoniali si dividono sostanzialmente in due tipi: Gestioni Patrimoniali Mobiliari (c.d. GPM) e Gestioni Patrimoniali in Fondi (c.d. GPF). Mentre nelle prime il patrimonio è investito principalmente in strumenti finanziari, come azioni, obbligazioni, ETF e derivati, nelle seconde il capitale è detenuto in fondi comuni d’investimento.
 
Infine, le gestioni patrimoniali sono tra le soluzioni finanziarie più efficienti dal punto di vista fiscale in quanto le plusvalenze - derivanti da capital gain e/o interessi, dividendi e cedole - e le minusvalenze, attribuibili a capital loss e/o commissioni passive, si compensano tra loro. Le imposte vengono così quantificate e pagate solo se il risultato della gestione complessiva a fine anno o a seguito di un disinvestimento è positivo.

II presente documento è stato predisposto da Poste Italiane, sotto la propria esclusiva responsabilità ed ha natura e scopi informativi generali e non costituisce offerta o sollecitazione all’acquisto ne implica alcuna attività di consulenza o raccomandazioni di investimento.

Potrebbero interessarti

TUTTI   |   CONSIGLIATI

Il tempo come fattore incrementale di stabilità

Il tempo come fattore incrementale di stabilità

Investire è un esercizio di equilibrio e, in periodi di crisi, la soluzione migliore consiste nell’evitare di farsi prendere dal panico.

Economia reale

Economia reale e quotazioni finanziarie

L'importanza di prendere decisioni consapevoli sia nelle fasi rialziste che in quelle ribassiste. 

Il ciclo di vita dell'investitore

Il ciclo di vita dell’investitore

I nostri obiettivi cambiano nelle varie fasi della nostra vita, ma la cosa più importante è adottare una corretta pianificazione finanziaria.

Cigno nero

La Finanza e i "Cigni Neri"

Scopriamo la teoria del cigno nero e cosa ci hanno insegnato i tre cigni neri che negli ultimi 20 anni hanno scosso l'economia globale. 

Rating

Le agenzie di rating e il merito creditizio

Sai veramente che cosa è il rating e quali sono i parametri utilizzati dalle agenzie per valutarlo? 

Gestione patrimoniale

Tutto sulle gestioni patrimoniali

Cosa sono e quali tipologie di gestioni patrimoniali esistono.

Fondi di investimento

Tutto sui Fondi comuni di investimento

Cosa sono e come funzionano i Fondi comuni d'investimento.

Il ruolo delle banche centrali

Il ruolo delle banche centrali e la politica monetaria

Come viene gestita la circolazione della moneta e la stabilità dei prezzi. 

Azioni

Azioni, cosa sono?

Scopri di più sulle azioni e perché hanno un rischio superiore alle obbligazioni.

Obbligazioni

Obbligazioni e cedole

Cosa sono e quali elementi caratterizzano le obbligazioni.

Investire in protezione

Perché è importante investire nella protezione

La protezione è il primo passo per tutelare il tuo patrimonio.

Eccesso di prudenza

Attenzione all'eccesso di prudenza

L’eccesso di prudenza può far perdere opportunità di guadagno.

Orizzonte temporale

Investimenti e orizzonte temporale

Se vuoi investire, oltre a valutare il rischio che sei disposto ad assumerti, dovresti fissare il tuo orizzonte temporale. 

Liquidità

Il rischio della liquidità

Pensare che la liquidità non comporti dei rischi è sbagliato, meglio pensare ad altre forme di protezione. 

ETF

Gli strumenti dei mercati finanziari: focus sugli ETF

Caratteristiche e vantaggi degli ETF, per investire nei mercati finanziari differenziando il proprio portafoglio.

Trappole mentali

Come evitare le "trappole mentali" del fai da te

Come evitare gli errori cognitivi dovuti a modalità sbagliate di interpretare la realtà.

Market timing

Market timing: compro, vendo o tengo?

Come anticipare i movimenti dei mercati finanziari.

© Poste Italiane 2020 - Partita iva : 01114601006  

vai a inizio pagina