La versione del tuo browser non è aggiornata. Per una migliore navigazione del sito, scarica la versione più recente.

Come evitare le "trappole mentali" del fai da te Come evitare gli errori cognitivi dovuti a modalità sbagliate di interpretare la realtà.

Trappole mentali

Trappole mentali Attenti al fai da te

  • La teoria finanziaria tradizionale si basa su un presupposto semplice: i mercati esprimono prezzi e valutazioni che riflettono in modo efficiente e razionale il valore di azioni, obbligazioni o materie prime. Semplice, ma non vero fino in fondo. In realtà è stato dimostrato che gli andamenti dei mercati risultano guidati prevalentemente da fattori psicologici ben poco razionali. Con tutte le conseguenze (negative) del caso sugli investimenti.


Le trappole

  • È stata la finanza comportamentale – che applica la psicologia cognitiva alla comprensione delle decisioni finanziarie – a svelare l’irrazionalità dei mercati. In base a queste ricerche è, infatti, possibile documentare come le scelte d’investimento degli individui siano influenzate da fattori emotivi che, attraverso scorciatoie mentali, incappano in una serie di errori cognitivi dovuti a modalità sbagliate di interpretare la realtà. Delle vere e proprie “trappole mentali” che determinano scelte sbagliate d’investimento nell’approccio “fai da te”.
     
  • L’eccesso di fiducia è una delle trappole mentali più insidiose per l’investitore ed è strettamente connessa all’eccesso di ottimismo. Due errori che si verificano quando chi investe tende a formulare previsioni troppo ottimistiche o a fidarsi troppo delle proprie capacità di valutazione. Cosa può succedere in questi casi? Per esempio, un investitore fortemente avverso alle perdite (altra trappola di cui parleremo) può scegliere un prodotto troppo rischioso.
     
  • Se fidarsi troppo di se stessi è pericoloso, seguire senza farsi domande il comportamento degli altri non assicura un risultato diverso. Anzi, e siamo alla trappola definita effetto gregge, la scarsa fiducia in noi stessi condiziona altrettanto negativamente le scelte d’investimento. Questo meccanismo mentale spinge a puntare, al rialzo o al ribasso, sul trend del momento basandosi esclusivamente sull’emulazione di comportamenti di altre persone che riteniamo più esperte e informate. Il risultato, anche in questo caso, può essere quello di puntare su strumenti finanziari inadeguati poiché troppo rischiosi spinti da euforia o panico derivati da altre persone.
     
  • Parlando di eccesso di fiducia e ottimismo abbiamo citato l’avversione alle perdite, una delle trappole mentali più frequenti nel fai da te e quindi più insidiose. Di cosa si tratta? In sostanza, a parità di investimento un ribasso procura una sofferenza maggiore rispetto a un guadagno equivalente. E’ stato calcolato che la sofferenza per una perdita è più di due volte superiore alla felicità per una vincita. Per non soffrire, quindi, tendiamo a vendere troppo presto investimenti in rialzo, per paura di un improvviso crollo, o a tenere troppo a lungo investimenti in calo, per paura di perdere denaro. Sempre nell’ambito della “naturale avversione alla perdita” emerge un diverso atteggiamento nella valutazione di uno stesso bene a seconda se sia in nostro possesso o meno: a quello in nostro possesso si tende ad attribuire un valore maggiore - perché nella nostra mente non possiamo accettare una perdita - e viceversa consideriamo di valore inferiore lo stesso bene posseduto da altri.
     
  • Da non trascurare neanche l’avversione alle incognite, l’approccio mentale che ci spinge a preferire soluzioni note rispetto a situazioni meno chiare. In pratica si preferisce un investimento ritenuto sicuro, che offra reddito fisso e regolare, rispetto a uno più volatile e meno prevedibile, anche se potenzialmente più redditizio. Una limitazione che diventa ancora più penalizzante dal momento che gli investitori tendono ad affezionarsi alle strategie adottate in passato anche quando le nuove condizioni di mercato le renderebbero poco coerenti con gli obiettivi di rischio-rendimento che si vogliono raggiungere. Un approccio, questo, che espone a tutti i pericoli di un portafoglio concentrato facendo spesso anche perdere le numerose opportunità offerte dai mercati a livello globale.
     
  • Inoltre, quando si parla di finanza comportamentale e dei rischi del fai da te bisogna tenere conto anche del contesto in cui si comincia a investire. Un errore comune, per esempio, è quello di pensare al risparmio quando ci si avvicina all’età della pensione, ma se non si hanno a disposizione redditi consistenti è già troppo tardi. Ragionando in modo razionale, infatti, l’ideale sarebbe cominciare a risparmiare da giovani, quando anche delle piccole somme mensili permetterebbero di costruire nel tempo un capitale cospicuo.


La soluzione

  • Le “trappole mentali” risultano, infatti, particolarmente insidiose per gli investitori “fai da te”. A tutti coloro che amano essere in prima fila sui mercati suggeriamo, quindi, di andare su prodotti diversificati e gestiti da professionisti esperti in grado di navigare i mercati complessi di oggi e di adattare prontamente i portafogli alle mutevoli condizioni di mercato.

II presente documento è stato predisposto da Poste Italiane, sotto la propria esclusiva responsabilità ed ha natura e scopi informativi generali e non costituisce offerta o sollecitazione all’acquisto ne implica alcuna attività di consulenza o raccomandazioni di investimento.

Potrebbero interessarti

TUTTI   |   CONSIGLIATI

Costanza nel risparmio

La costanza del risparmio

Negli investimenti, la costanza del risparmio conta più dei rendimenti finanziari.

L’importanza di mantenere gli investimenti

L’importanza di mantenere gli investimenti anche nelle fasi difficili di mercato

Come imparare a cogliere le opportunità di un trend rialzista di lungo periodo.

Il tempo come fattore incrementale di stabilità

Il tempo come fattore incrementale di stabilità

Investire è un esercizio di equilibrio e, in periodi di crisi, la soluzione migliore consiste nell’evitare di farsi prendere dal panico.

Economia reale

Economia reale e quotazioni finanziarie

L'importanza di prendere decisioni consapevoli sia nelle fasi rialziste che in quelle ribassiste. 

Il ciclo di vita dell'investitore

Il ciclo di vita dell’investitore

I nostri obiettivi cambiano nelle varie fasi della nostra vita, ma la cosa più importante è adottare una corretta pianificazione finanziaria.

Cigno nero

La Finanza e i "Cigni Neri"

Scopriamo la teoria del cigno nero e cosa ci hanno insegnato i tre cigni neri che negli ultimi 20 anni hanno scosso l'economia globale. 

Rating

Le agenzie di rating e il merito creditizio

Sai veramente che cosa è il rating e quali sono i parametri utilizzati dalle agenzie per valutarlo? 

Gestione patrimoniale

Tutto sulle gestioni patrimoniali

Cosa sono e quali tipologie di gestioni patrimoniali esistono.

Fondi di investimento

Tutto sui Fondi comuni di investimento

Cosa sono e come funzionano i Fondi comuni d'investimento.

Il ruolo delle banche centrali

Il ruolo delle banche centrali e la politica monetaria

Come viene gestita la circolazione della moneta e la stabilità dei prezzi. 

Azioni

Azioni, cosa sono?

Scopri di più sulle azioni e perché hanno un rischio superiore alle obbligazioni.

Obbligazioni

Obbligazioni e cedole

Cosa sono e quali elementi caratterizzano le obbligazioni.

Investire in protezione

Perché è importante investire nella protezione

La protezione è il primo passo per tutelare il tuo patrimonio.

Eccesso di prudenza

Attenzione all'eccesso di prudenza

L’eccesso di prudenza può far perdere opportunità di guadagno.

Orizzonte temporale

Investimenti e orizzonte temporale

Se vuoi investire, oltre a valutare il rischio che sei disposto ad assumerti, dovresti fissare il tuo orizzonte temporale. 

Liquidità

Il rischio della liquidità

Pensare che la liquidità non comporti dei rischi è sbagliato, meglio pensare ad altre forme di protezione. 

ETF

Gli strumenti dei mercati finanziari: focus sugli ETF

Caratteristiche e vantaggi degli ETF, per investire nei mercati finanziari differenziando il proprio portafoglio.

Trappole mentali

Come evitare le "trappole mentali" del fai da te

Come evitare gli errori cognitivi dovuti a modalità sbagliate di interpretare la realtà.

Market timing

Market timing: compro, vendo o tengo?

Come anticipare i movimenti dei mercati finanziari.

Crescere Sostenibili
© Poste Italiane 2021 - Partita iva: 01114601006

vai a inizio pagina