dcsimg
La versione del tuo browser non è aggiornata. Per una migliore navigazione del sito, scarica la versione più recente.

FAQ Pagamenti Domande frequenti su bollettini, Postagiro e addebiti di pagamenti.

Bollettino

L’ Identificativo Univoco del Versamento (IUV) garantisce l’univocità del pagamento e l’associazione dello stesso al servizio erogato.  Ad ogni pagamento delle Pubbliche Amministrazioni è associato un solo codice IUV che identifica cosa si paga. Il codice IUV costituisce l’elemento attraverso il quale l’ente creditore riceve tutte le informazioni che caratterizzano il pagamento, permettendo di eseguire eventuali controlli e verifiche relativi all’erogazione del servizio.
Tutte le tipologie di bollettino sono pagabili in ufficio postale, sugli altri canali di accettazione esistono differenze. Per  maggiori dettagli consultare la tabella  dei bollettini pagabili .
Una persona fisica, titolare di Conto Corrente BancoPosta, può incassare versamenti sul proprio conto tramite bollettino. Per le condizioni economiche del servizio si rimanda ai FI del conto corrente di riferimento.
Sì, è possibile procedere al versamento con un Bollettino bianco, a meno che il beneficiario abbia espressamente dichiarato a Poste Italiane la volontà di incassare esclusivamente bollettini premarcati.
È possibile richiedere la copia del bollettino pagato tramite apposita richiesta in ufficio postale. Le condizioni economiche del servizio sono sul FI “Pagamento bollettino di conto corrente postale”.  Se il pagamento è stato effettuato dalla pagina di Poste.it, la ricevuta sarà consultabile dalla sezione Pagamenti/Ricevute dopo il login.
Sì, è possibile pagare sia sui canali online di Poste Italiane sia sulle reti fisiche un bollettino intestato ad un soggetto diverso da quello che effettua la transazione.
La mail sulla casella personale non è possibile rinviarla, la ricevuta del bollettino pagato è comunque sempre disponibile all’interno della funzione “Cerca operazioni online” dei siti BPOL, BP Click, Postepay.it o all’interno della funzione “Ricevute” presente nella sezione Pagamenti di Poste.it. La ricevuta è inoltre disponibile all’interno della sua Bacheca personale della Myposte, l’area dedicata alle comunicazioni online di Poste Italiane.
Le operazioni prese in lavorazione durante la notte vengono elaborate il mattino successivo entro massimo le 7.00. Solo al momento dell’esecuzione riceverà la mail nella sua Bacheca Personale con la ricevuta del pagamento che sarà anche disponibile nella funzione “Cerca operazioni online” dei siti BPOL, BP Click, Postepay.it o all’interno della funzione “Ricevute” presente nella sezione Pagamenti di Poste.it.
Per accedere alla nuova sezione online dedicata ai bollettini è necessario avere sul proprio computer un browser aggiornato, altrimenti è consigliabile aggiornare la propria versione (Es. per il browser Internet Explorer si può navigare correttamente dalla vers. 10 in su, nelle versioni 8 e 9 alcune funzionalità sono disabilitate).
Il pagamento del bollettino PA prevede l’interazione in tempo reale con l’Ente Beneficiario; nel caso in cui l’Ente comunica la variazione dell’importo sarà necessario riproporre il bollettino da parte del cliente pagatore con l’importo aggiornato. Sarà necessario eliminare il bollettino dal carrello o dalla sezione “Pagamenti non effettuati” e ricompilarlo.

Addebito Diretto Sepa

L’Addebito Diretto SEPA si attiva presso il fornitore di servizi o presso l’impresa creditrice. Infatti, diversamente dal servizio RID/Domiciliazione Pagamenti - in cui la delega all’addebito poteva essere rilasciata direttamente a Poste Italiane - il mandato per l’Addebito Diretto è sottoscritto e consegnato dal pagatore direttamente al creditore (ad es. il fornitore di elettricità, gas etc.) il quale provvede alla relativa raccolta, conservazione e alla registrazione di eventuali modifiche/revoche.
Solo nel caso in cui l’impresa creditrice abbia attivato il servizio aggiuntivo “SEDA”, Poste Italiane è abilitata alla raccolta e alla gestione del mandato di addebito. Chiedi al tuo ufficio postale per saperne di più e conoscere l’elenco delle imprese creditrici che aderiscono al servizio SEDA.
È semplice. Oltre il codice IBAN del tuo conto corrente, devi fornire il numero di riferimento del mandato e il Codice Identificativo del creditore (Creditor Identifier) che ti saranno forniti dal creditore stesso. Infine, riceverai da parte del creditore una comunicazione di preavviso relativa all’Addebito Diretto SEPA (salvo diversi accordi tra le parti), almeno 14 giorni prima della data di scadenza (data di addebito).
Certo. Se avevi autorizzato un Addebito Diretto SEPA, puoi richiedere il rimborso del pagamento entro 8 settimane dalla data di addebito dell’operazione senza necessità di fornire le motivazioni della richiesta (ad esempio quando pensi che l’importo addebitato sul tuo conto non sia corretto come nel caso di un errore nel calcolo del consumo sulla bolletta del gas). Se, invece, si tratta di un’operazione non autorizzata, hai 13 mesi di tempo dalla data di addebito dell’operazione per richiederne il rimborso. Puoi richiedere il rimborso del pagamento presso il tuo ufficio postale.
Certo. Se, ad esempio, ti arriva a casa un avviso di pagamento (ad es. la fattura del tuo gestore telefonico) e ti sembra che l’importo non sia corretto oppure che non sia stato autorizzato, puoi chiedere al tuo ufficio postale di bloccare (revocare) l’operazione di addebito entro il giorno lavorativo bancario precedente la scadenza.
Sì puoi decidere di limitare i tuoi ordini di Addebito Diretto SEPA e puoi richiedere al tuo ufficio postale che sul tuo Conto Corrente BancoPosta siano addebitati i pagamenti disposti esclusivamente da alcune aziende beneficiarie da te indicate in modo puntuale (cd. White list). Diversamente, puoi scegliere di chiudere il tuo conto corrente a qualsiasi disposizione di addebito diretto oppure solo ad alcune specifiche aziende beneficiarie (cd. Black list). In qualsiasi momento, potrai richiedere al tuo ufficio postale di modificare le tue indicazioni.
È prevista una commissione per ogni Addebito Diretto SEPA proveniente da Paesi dello Spazio Economico Europeo (SEE) e dalla Repubblica di San Marino. Solo per quelli provenienti dalla Svizzera e dal Principato di Monaco la commissione è differenziata.  La domiciliazione utenze è gratuita per gli addebiti diretti continuativi disposti dalle aziende creditrici, riportate all’interno dell’elenco consultabile nelle pagine del sito, dedicate al servizio e disponibile presso tutti gli uffici postali.
Per conoscere le condizioni economiche del servizio consultare i fogli informativi del conto corrente di riferimento e quello dei Servizi di Pagamento e Servizi accessori ad esso collegati.

Postagiro

Il Postagiro è un'operazione di trasferimento di denaro da un Conto Corrente Postale ad un altro Conto Corrente BancoPosta. Può essere effettuata da un ufficio postale oppure online attraverso i canali di Poste Italiane abilitati.
Ai correntisti BancoPosta che hanno la necessità di trasferire denaro dal proprio Conto Corrente Postale a quello di un altro titolare di Conto Corrente BancoPosta.
Il Postagiro permette di trasferire denaro in modo veloce. Inoltre ti dà la possibilità di effettuare operazioni sia in ambito nazionale che internazionale. Il postagiro è la  modalità più veloce ed economica per trasferire denaro in tempo reale fra correntisti BancoPosta.
Hai bisogno di aiuto?

© Poste Italiane 2017 - Partita iva : 01114601006  

vai a inizio pagina